Cinque giorni al voto Usa. E due film per prepararsi

Spread the love

primary-colors

Il filone politico elettorale è sempre stato molto fecondo per il cinema statunitense. Sin dai tempi di Citizen Kane (in italiano Quarto potere), considerato tra i migliori film di sempre, le pellicole che raccontano la politica Usa sono pressoché innumerevoli, e ad esse vanno affiancate anche molte serie come West wing o il capolavoro House of cards. Mancano 5 giorni alle elezioni, e allora cogliamo l’occasione per segnalarvi giusto un paio di film per farvi un’idea di come funzionano le cose là. Attenzione: non sono pellicole di grande successo in Italia, anzi qui sono probabilmente quasi sconosciute, ma forse anche per questo interessanti. Comunque, in streaming le trovate e in 5 giorni anche il tempo per vedere due film si trova.

Il primo è I colori della vittoria (titolo originale Primary colors) ed è del 1998. Il governatore democratico di un piccolo stato (John Travolta) si candida alle primarie del suo partito e per ottenere la nomination farà di tutto, ma veramente di tutto. Sua complice la moglie, interpretata da Emma Thompson, che pur di arrivare alla Casa Bianca aiuterà il marito a mettere a tacere uno scandalo sessuale (chi ci ricorda?). Perfetto per vedere come funzionano le primarie ma soprattutto come funziona la macchina del fango, dove ogni candidato cerca le peggio cose sui suoi avversari per sputtanarli ed eliminarli dal gioco. House of cards ci è arrivato solo 15 anni dopo.

Il secondo film, del ’97, è utile per comprendere l’influenza dei media sulla politica statunitense e si intitola La seconda guerra civile americana. Il presidente in carica accoglie una ondata di profughi dal Pakistan, ma alcuni governatori non intendono ospitarli nei rispettivi stati. Un canale all news segue la controversia e finisce in qualche modo per fomentarla, finché non si arriva allo scontro armato. Nonostante i temi, di strettissima attualità, è una commedia, incentrata sulla satira di un paese che programma le guerre in base al palinsesto televisivo.

 

Luca Manghera

 

Leggi anche: Presidenziali Usa: i libri per capirle meglio

You may also like...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *