Invito a Palazzo: il bello delle banche

Spread the love

lazio-roma-palazzo-koch-banca-ditalia-2

Hanno sedi fastose nel cuore delle nostre città e spesso nei loro palazzi custodiscono capolavori d’arte che raramente sono visibili al grande pubblico. Ma una volta all’anno, ormai da 15 anni, le 2016_abi_immagineguidabanche aprono le porte delle loro sedi a tutti. Capita al primo sabato di ottobre con Invito a Palazzo, la manifestazione promossa dall’Abi che ogni anno, per un’intera giornata, mette in mostra opere d’arte e capolavori conservati nelle sedi storiche delle banche e delle Fondazioni di origine bancaria coordinate dall’Acri. “L’iniziativa si inserisce nell’ambito degli interventi promossi dal mondo bancario per valorizzare il patrimonio artistico nazionale e a sostegno della cultura quale motore di sviluppo per il Paese”, recita la nota stampa. Traducendo la si potrebbe chiamare semplicemente “operazione simpatia”, nei fatti è un’occasione da non lasciarsi sfuggire, ovunque si risieda nel Bel Paese.

Infatti alla manifestazione di quest’anno partecipano ben 96 palazzi, tra cui la sede centrale della Banca d’Italia a Roma (Palazzo Koch), e poi 73 palazzi di 42 banche, e 23 di 23 Fondazioni di origine bancaria in 50 città su tutto il territorio nazionale. 10 le sedi “in mostra” per la prima volta, che rappresentano un’assoluta novità per i visitatori. 3 le città che per la prima volta aprono le porte dei loro palazzi: Biella, Cuneo e Gorizia.

Con Invito a Palazzo decine di migliaia di visitatori potranno accedere agli straordinari patrimoni artistici e architettonici, agli arredi e alle opere d’arte di ogni epoca, custoditi e tutelati dalle banche italiane nelle proprie sedi, normalmente chiuse al pubblico perché luogo di lavoro, e dalle Fondazioni di origini bancarie. Accompagnati da guide specializzate, potranno quindi ammirare una preziosa antologia di stili, tendenze e gusti artistici e architettonici italiani di ogni epoca: dall’architettura rinascimentale alle forme del barocco, dalle eleganti dimore settecentesche immerse in parchi secolari alle atmosfere neoclassiche, fino ai palazzi recentemente commissionati dalle banche ai più affermati architetti contemporanei.

 

Ad accompagnare l’apertura dei Palazzi, una serie di eventi disseminati in tutta Italia. A Torino, ad esempio, si può visitare con una guida, su prenotazione, il Museo del Risparmio di Banca Intesa; a Milano invece si organizzano percorsi di visita nelle splendide “Gallerie d’Italia” di Intesa – San Paolo, lo stesso istituto che a Napoli, in Palazzo Zevallos di Stigliano, custodisce l’ultima opera di Caravaggio, Il martirio di Sant’Orsola (in basso). Sempre a Napoli, a palazzo Ricca, sede della Fondazione del Banco di Napoli, si può visitare ilCartastorie – museo dell’archivio storico del Banco di Napoli. A Siena per l’occasione, il Monte dei Paschi svela una chicca, anzi tre, tre preziose tavole provenienti dalla Collezione Chigi Saracini che, grazie al recente restauro e allo studio di Alessandro Angelini e Andrea Giorgi, sono state attribuite a Domenico Beccafumi. Anche gli eventi speciali, sono in numero considerevole, vi rimandiamo al sito della manifestazione per cercare quello più vicino a voi (numero verde per informazioni e prenotazioni degli eventi 800.167.619)

 campania-napolipalazzo-zevallos-stigliano-intesa-sanpaolo-caravaggio-martirio-di-santorsola

INFORMAZIONI UTILI

Invito a Palazzo 2016 si terrà sabato 1° ottobre. I palazzi saranno aperti al pubblico gratuitamente dalle ore 10.00 alle ore 19.00.

L’elenco completo dei palazzi che partecipano all’iniziativa è disponibile su http://palazzi.abi.it.

Si potranno ottenere informazioni sulla manifestazione chiamando dalle ore 10.00 alle 18.00 il numero 06-6767400, oppure inviando una e-mail all’indirizzo invitoapalazzo@abi.it. E’ disponibile un’app (IOS) per smartphones e tablet scaricabile gratuitamente da AppStore. Invito a Palazzo è presente sui social: facebook: http://www.facebook.com/InvitoAPalazzo / twitter: @PALAZZI ABI.

 

piemonte-torino-palazzo-turinetti-intesa-sanpaolo

lombardia-milano-centro-servizi

campania-napoli-palazzo-ricca-fondazione-del-banco-di-napoli

You may also like...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *