La verità sul caso Orlandi, il libro tratto dal film di Faenza

Spread the love

1995325_sansa

Oggi nelle sale esce “La verità sta in cielo”, il film di Roberto Faenza con Roberto Scamarcio, Maya Sansa e Valentina Lodovini su una delle pagine più tristi della Storia italiana, la scomparsa di Emanuela Orlandi avvenuta il 22 giugno del 1983. Sempre da oggi, nelle librerie ci sarà anche il libro tratto dal film “La verità sul caso Orlandi” di Vito Bruschini (Newton Compton).
Una tv inglese che decide di inviare a Roma una giornalista per un’inchiesta sul caso Orlandi. La giornalista, con una collega italiana, si imbatte in Sabrina Minardi, amante del boss della Magliana Enrico De Pedis, conosciuto come Renatino.
Il film e il libro vogliono gettare nuova luce sul mistero irrisolto, mostrando verità rimaste ancora nascoste. Uno dei misteri più oscuri della storia italiana, tra criminalità organizzata, servizi segreti e massoneria vaticana.

Dalla Prefazione del libro:

“Il 22 giugno 1983 Emanuela Orlandi, cittadina vaticana, scompare in circostanze misteriose.
All’inizio gli inquirenti sono convinti si tratti di una bravata da adolescenti e le ricerche della ragazza, figlia di un commesso della Prefettura della Casa Pontificia, iniziano soltanto il giorno dopo. Le ipotesi, le accuse e le testimonianze che si sono accavallate in questi decenni hanno portato su una pista che implica il coinvolgimento dello stesso Vaticano, dello Stato italiano, ma anche dello IOR e poi del Banco Ambrosiano, della Banda della Magliana, nella persona del Dandi Renatino De Pedis, e dei servizi segreti di più Paesi. Dopo anni di indagini, durante i quali la trasmissione Chi l’ha visto? ha avuto un ruolo fondamentale nel portare alla luce nuove prove e testimoni prima ignoti, l’inchiesta è stata chiusa nell’ottobre 2015. Ma è chiaro che non sia ancora stato detto tutto quello che si poteva dire su uno dei maggiori misteri d’Italia, nel quale si incrociano la criminalità organizzata e i poteri forti del Vaticano. 33 anni dopo quel maledetto pomeriggio di giugno sapremo finalmente qual è stato il movente e chi ha commissionato la sparizione della giovane Emanuela”.

You may also like...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *