Le uscite della settimana: Italia forza 4

Spread the love

al-posto-tuoTricolore protagonista nelle nuove uscite di questa settimana al cinema. Sono infatti ben 4 i film italiani, a cominciare da Al posto tuo, commedia con Luca Argentero, Ambra Angiolini e Stefano Fresi. Due uomini che più diversi non si potrebbe si scambiano la vita (il pretesto è che entrambi svolgono lo stesso ruolo per due aziende che si stanno fondendo, e solo uno manterrà il posto): un’idea non originalissima, che però è sviluppata con una certa leggiadria.

Sicuramente originale è invece il soggetto di Indivisibili, storia di due gemelle siamesi che vengono quasi sfruttate come fenomeno dai genitori, che le mandano (non solo per la loro poderosa voce) a cantare ai matrimoni. E quando loro scopriranno di potersi operare per essere separate, inizieranno i conflitti.

Il drammatico Le ultime cose intreccia invece tre storie che passano dal Banco dei pegni di Torino: un ragazzo che vi è stato assunto da poco, un pensionato che cerca di ripagare un vecchio debito e una giovane trans. Voglia di riscatto e diseguaglianza i temi di fondo di un film oggettivamente di nicchia.

Ha il suo perché Liberami. E’ un documentario ma non spaventatevi: ad esempio se amate gli horror vi interesserà. La regista Federica Di Giacomo ha indagato sul misterioso e affascinante mondo degli esorcismi, di cui tra l’altro si è parlato molto negli ultimi tempi per la scomparsa di Padre Amorth, forse il più famoso esorcista moderno. Ci sono 4 casi di altrettante persone che cercano la liberazione da un male che non trova spiegazioni, assieme alla storia del sacerdote che li segue e più in generale di come la Chiesa si occupa di uno dei suoi lati più “occulti”.

Passiamo adesso alle pellicole straniere. Su tutte Ben Hur, il rifacimento dello storico colossal vincitore di qualcosa come 11 oscar. E come in esso il clou è la scena della corsa delle bighe, stavolta però con abbondanza di effetti speciali. Che non bastano a non far pensare che forse era meglio l’originale.

Cafè society è l’ennesima commedia di Woody Allen, ancora una volta ambientata nel passato (Anni ’30). Un giovane aspirante commediografo si trasferisce da New York a Hollywood, si innamora di un’attricetta che non se lo fila e allora torna a New York dove si sposa. Tolta qualche battuta in puro stile Allen (e la meravigliosa fotografia di Vittorio Storaro) è francamente la solita minestra riscaldata.

Dall’Australia (ma è stato girato sulle Alpi) arriva Abel – Il figlio del vento: grazie al ritrovamento di un aquilotto cacciato dal nido, Lukas imparerà anche lui a volare dopo la morte della madre e la conseguente crisi del padre.

Altra uscita è la commedia argentina Se permetti non parlarmi di bambini!: Gabriel è separato e ha una bambina di 8 anni, al quale dedica la sua vita, ma un giorno dal suo passato ritorna Vicky, grande amore mai sbocciato. Lei però non ama i bambini, anzi, e Gabriel si ritrova a nascondere una figlia diventata improvvisamente ingombrante.

Infine per gli amanti del genere arti marziali c’è The assassin, film taiwanese ambientato nella Cina del IX secolo dove una giovane donna, allevata dall’Ordine degli assassini, si trova davanti ad un bivio quando le viene ordinato di uccidere l’uomo che ama.

 

Luca Manghera

You may also like...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *